Chirurgia del viso

La chirurgia del viso è una delle branche della chirurgia più ampia e variegata. Questo perché il volto è forse la parte del corpo a cui diamo più importanza, basti pensare che già Leonardo Da Vinci aveva individuato le regole geometriche per determinare le migliori  proporzioni del volto come largezza degli occhi, della bocca o altezza della fronte.

Chirurgia plastica del visoNel Rinascimento però era surreale pensare di poter raggiungere questi idealistici canoni di bellezza, oggi con l’avvento della chirurgia plastica avere labbra, guance, mento ed occhi perfetti non sembra poi così irraggiungibile.

L’elenco degli interventi che rientrano nella chirurgia del viso è davvero lungo: blefaroplastica, rinoplastica, mentoplastica, otoplaatica, lifting sono solo alcuni degli esempi, ma questa scienza è in continua evoluzione per restare al passo con i tempi e con le esigenze di pazienti di tutte le età.

Da qui la nascita della mosaic surgery, una metodica che permette di eliminare i fastidiosi inestetismi lasciati dall’acne giovanile e che colpiscono soprattutto mento, fronte e guance. Altra tecnica in continua ascesa è quella del lipofilling (o trapianto di grasso autologo) che consiste nel trasferimento del proprio tessuto adiposo a zone come zigomi e guance che con il tempo e l’invecchiamento tendono a perdere tono e contorni ben definiti.

Il viso non è solo un importante rivelatore del tempo che passa ma è anche la zona del corpo maggiormente esposta, ecco che piccoli e grandi traumi che lasciano segni  sul volto possono diventare motivo di insicurezza o imbarazzo o di effettivo impedimento per l’esecuzione di quotidiane operazioni, come il parlare. La chirurgia detta anche lifting del viso veste quindi un ruolo di estrema rilevanza e in quest’ambito come non citare la chirurgia maxillo facciale una specialità che si occupa di risolvere problemi dovuti soprattutto a patologie del viso e dello scheletro facciale.